+39 041-5277253
 

Per Prenotare

  • Scegli la proposta dal sito  www.apetours.it  e digita la sezione prenota  inserendo numero persone e date disponibili.
  • Richiedi offerta personalizzata, contattaci via mail info@apetours.it  richiedendo preventivo, oppure telefona: n. 041 5277253 cell 348 0178760
  • Rappresenti un Gruppo di persone,  un’Associazione o un’Azienda inviaci i tuoi riferimenti e ti faremo un preventivo specifico.
  • A tutte le richieste, Ape Tours, risponde presentando un preventivo e un’opzione entro la quale potrai confermare la nostra proposta.

Conferma Prenotazione

  • Per Confermare,  rimandare controfirmata per accettazione, la nostra proposta, via fax 041 8623693 o via mail info@apetours.it
  • Allegare copia pagamento acconto, come importo inserito in Proposta.

 

Informazioni utili per chi viaggia

 

Di seguito vengono riportate alcune informazioni utili per chi viaggia. ApeTours rimane comunque a disposizione per qualsiasi chiarimento.

Guidare all’estero

Per guidare all’interno degli stati membri dell’Unione Europea esclusa la Federazione Russa) e in alcuni paesi extra-europei è sufficiente la patente di guida italiana. La situazione cambia nel momento in cui ci si reca negli USA o in altri Paesi Extra Europei.

Per guidare negli USA è richiesto un permesso internazionale di guida (cosiddetta patente di guida internazionale). La patente di guida internazionale è semplicemente una traduzione della patente nazionale del guidatore per cui non può essere utilizzata autonomamente ma deve essere sempre accompagnata dalla patente nazionale non scaduta.

Per ottenere la patente internazionale di guida è necessario recarsi presso un ufficio della motorizzazione e seguire la seguente procedura:

  • Compilare la domanda sul modello TT 746, disponibile presso gli sportelli della motorizzazione.
  • Effettuare un versamento di € 9,00 sul c/c 9001 intestato a “Dipartimento Trasporti Terrestri”- Diritti – Roma
  • Effettuare un versamento di € 14,62 sul c/c 4028 intestato a “Dipartimento Trasporti Terrestri”- Imposta di bollo – Roma ( il bollettino prestampato è disponibile presso gli uffici postali e gli uffici della motorizzazione)
  • Presentare due fototessere recenti, di cui una legalizzata dal comune o dalla motorizzazione
  • Presentare la patente di guida nazionale in corso di validità con relativa fotocopia fronte-retro.

Per guidare in altri Paesi Extra Europei bisogna poi valutare per ogni singolo paese le convenzioni e le normative a cui fanno riferimento. Se dovete andare in qualche Paese Extra Europeo consultare il sito www.viaggiaresicuri.it e scegliere la voce “viabilità” collegata al paese che vi interessa.

La carta verde

La carta verde è il certificato di assicurazione internazionale che permette ad un veicolo di entrare e di circolare in un paese estero essendo in regola con l’obbligo dell’assicurazione RCA (Responsabilità Civile Auto).

I residenti in Italia possono richiederla al proprio assicuratore RCA. Non è necessaria nei paesi dell’Unione Europea e in molti altri. Per sapere in quali paesi è richiesta la carta verde, si può consultare il sito www.ucimi.it.

Documenti di viaggio

Per viaggiare nel territorio nazionale è sufficiente esibire uno dei documenti di identità seguenti:

  • carta di identità,
  •  passaporto,
  •  patente di guida,
  • patente nautica,
  • libretto di pensione,
  • patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici,
  • porto d’armi,
  • tessere di riconoscimento purché munite di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciate da un’amministrazione dello Stato.

Attenzione: se dovete spostarvi in aereo è meglio utilizzare carta d’identità o passaporto perchè gli altri documenti potrebbero non essere accettati da alcune compagnie aeree.

Carta d’identità prorogata

In molti paesi stranieri la carta d’identità prorogata non è accettata come documento valido e quindi si consiglia, in caso di viaggi all’estero di richiedere una nuova carta di identità anche se quella prorogata è ancora valida.

Viaggi in Europa

Per viaggiare in Stati Schengen o in Paesi esteri extra-Schengen, l’interessato deve sempre essere in possesso di un documento riconosciuto valido per l’attraversamento delle frontiere, che possono essere:

  1. la carta d’identità valida per l’espatrio
  2. il passaporto
  3. nonché il cosiddetto lasciapassare per minore di anni quindici, specificamente previsto dall’Accordo europeo sulla circolazione delle persone fra i Paesi membri del Consiglio d’Europa.

Lasciapassare e carta d’identità per minori

Con la legge del 12 luglio 2011, n. 106, è stato introdotto il principio del rilascio della carta d’identità ai minori. Pertanto il minore ora può avere la carta di identità, anche valida per l’espatrio, a partire dal giorno della nascita e quindi l’istituto del lasciapassare è di fatto diventato obsoleto.

Bambini e ragazzi in viaggio

Tutti i minori per viaggiare devono essere in possesso di un documento di identità per i Paesi UE, carta di identità valida per l’espatrio o passaporto.

Sono valide per l’espatrio le carte di identità che non rechino sul retro la dicitura NON VALIDA PER L’ESPATRIO.

Fino al compimento dei 14 anni i minori possono espatriare solo se:

  1. Accompagnati da almeno un genitore o con chi ne fa le veci (es: tutore esercente la potestà genitoriale) In questo caso sul documento del minore devono essere riportati i nomi dei genitori o del tutore o in alternativa gli stessi dovranno esibire al momento dell’espatrio lo stato di famiglia o estratto di nascita del minore o la documentazione della nomina a tutore.
  2. Affidati ad un accompagnatore munito di dichiarazione di accompagno.
  3. Affidato con dichiarazione di accompagno dai genitori o dagli esercenti la potestà genitoriale ad un Ente (es: compagnia aerea).

Compiuti i 14 anni i minori possono viaggiare senza accompagnatori sia in ambito UE che per destinazioni extra UE.

Tuttavia alcune compagnie aeree o di navigazione richiedono una specifica documentazione per il minore che viaggia accompagnato da persone diverse dai genitori quindi è necessario informarsi di volta in volta.

Per ulteriori informazioni visitate la pagina: http://www.poliziadistato.it/articolo/191/

Passaporto

E’ un documento di riconoscimento rilasciato dalle questure.

Il nuovo modello di passaporto elettronico è costituito da un libretto a 48 pagine a modello unificato. Tale libretto è dotato di un microchip in copertina, che contiene le informazioni relative ai dati anagrafici, la foto e le impronte digitali del titolare.

Inoltre, è presente, alla pagina 2 del libretto la firma digitalizzata, ad eccezione dei bambini al di sotto di 12 anni.

Esso permette, per esempio, di entrare negli USA per soggiorni inferiori ai 90 giorni, senza bisogno di chiedere il visto (Visa Waiver Program).

La validità temporale del passaporto differisce in base all’età del titolare:

  • per i minori di 3 anni la validità è di 3 anni;
  • per i minori dai 3 ai 18 anni la validità è di 5 anni;
  • per i maggiorenni la validità è di 10 anni.

I passaporti scaduti non possono più essere rinnovati.

Documentazione necessaria per il rilascio del passaporto

  1. formulario di richiesta del passaporto, debitamente compilato e sottoscritto dall’interessato. E’ possibile scaricarlo dal sito internet https://www.passaportonline.poliziadistato.it/
  2. esibizione di un documento di riconoscimento;
  3. 2 fotografie recenti (uguali, frontali, a colori formato 35 x 40 mm);
  4. ricevuta del pagamento del costo del libretto e della relativa tassa governativa per l’utilizzo del passaporto;
  5. nel caso in cui il richiedente abbia figli minori di anni 18, atto di assenso al rilascio da parte dell’altro genitore, a prescindere dallo stato civile del richiedente (celibe/nubile, coniugato, separato o divorziato);
  6. nel caso in cui il richiedente sia un minore di anni 18, atto di assenso di entrambi genitori;

Costo del passaporto

Dal 24 Giugno 2014 è stato introdotto un contributo amministrativo di € 73,50 (da acquistare sotto forma di contrassegno telematico in una rivendita di valori bollati prima di presentarsi con la documentazione nell’Ufficio che rilascia i passaporti) per il rilascio del passaporto ordinario, incluso il rilascio a favore di minori, oltre al costo del libretto (pari a d euro 42,50)

N.B. Chi avesse acquistato contrassegno telematico da 40,29 € dovrà integrarlo con un’ulteriore contrassegno da 33,21€. Contestualmente è abolita la tassa di rilascio e quella annuale del passaporto ordinario, (quindi il contributo di € 73,50 è valido fino alla scadenza del documento) nonché quella di rilascio del passaporto collettivo (€ 2,58 per ogni componente del gruppo, esclusi i capo gruppo ed i minori di anni 10).

Per i possessori di un passaporto in corso di validità che intendono andare all’estero non devono pagare la tassa annuale.

Validità del bollo annuale

Il contrassegno va apposto soltanto in caso di partenza e ha una validità di 365 giorni a decorrere dalla data del rilascio del passaporto. Per gli anni successivi si fa riferimento alla data dell’emissione del passaporto.

Tale tassa non è prevista per viaggi nei paesi dell’Unione Europea.

Passaporto per bambini e ragazzi

L’iscrizione del minore sul passaporto del genitore non è più valida dal 27.06.2012. Da questa data il minore può viaggiare in Europa e all’estero solo con un documento di viaggio individuale. Al contempo i passaporti dei genitori con iscrizioni di figli minori rimangono validi per il solo titolare fino alla naturale scadenza.

Ai minori è rilasciato il nuovo libretto di passaporto con microchip, ma la normativa prevede che solo dal compimento dei 12 anni di età siano acquisite le impronte e la firma digitalizzata.
Sui libretti attualmente rilasciati sono inseriti i dati anagrafici (anche in inglese e francese) dei genitori viventi.

Per richiedere il passaporto per il figlio minore è necessario l’assenso di entrambi i genitori (coniugati,conviventi, separati, divorziati o genitori naturali.).

I passaporti con durata decennale rilasciati ai minori anteriormente alla data di entrata in vigore della nuova normativa (25 novembre 2009) sono validi fino alla loro naturale data di scadenza.

Si consiglia di consultare il sito http://www.viaggiaresicuri.it/ a cura del Ministero Affari Esteri per avere informazioni utili sul Paese che si intende visitare e il titolo di viaggio necessario.

Viaggiare negli USA

A partire dal 12 gennaio 2009 coloro i quali intendono recarsi negli Stati Uniti usufruendo del Visa Waiver Program, che consente di viaggiare senza il visto, dovranno richiedere un’autorizzazione al viaggio elettronica,(ESTA -Electronic System for Travel Authorization)prima di salire a bordo del mezzo di trasporto, aereo o navale, in rotta verso gli Stati Uniti.

Questa procedura si applica anche a chi è in transito negli Stati Uniti con destinazione finale in un altro paese.

Per recarsi negli Stati Uniti d’America senza necessità di visto, usufruendo del programma “Visa Waiver Program sono validi i seguenti passaporti:

  • passaporto elettronico;
  • passaporto a lettura ottica rilasciato o rinnovato prima del 26 ottobre 2005;
  • passaporto con foto digitale rilasciato fra il 26 ottobre 2005 e il 26 ottobre 2006

Si può usufruire del “Visa Waiver Program”:

  • se si viaggia esclusivamente per affari e/o per turismo
  • se ci si reca negli Stati Uniti per non più di 90 giorni
  • se si possiede il biglietto di ritorno

In mancanza anche di uno dei requisiti elencati, è necessario il visto.

La mancata partenza dagli U.S.A. entro i 90 giorni, comprometterà la possibilità di usare nuovamente il programma.

I minori per benificiare del Visa Waiver Program devono essere in possesso di passaporto individuale.

Smarrimento bagagli

Al momento del ritiro dei bagagli in aeroporto se non vedete la vostra valigia sul nastro trasportatore fate subito denuncia all’apposito ufficio “Lost & Found” che si trova nella sala del ritiro bagagli. Se lasciate l’aeroporto prima di aver fatto la denncia perdete ogni diritto all’eventuale risarcimento.

Vi verrà mostrata una scheda con vari tipi di valigia per aiutarvi a compilare il modulo di denuncia nel modo più dettagliata possibile (tipo, marca, dimensioni, colore).

È importante quindi che prima di partire abbiate apposto un etichetta in plastica (non di carta che può rompersi) con indirizzo della vostra abitazione in maniera chiara e leggibile.

Per riconoscere più velocemente il vostro bagaglio potete apporvi un piccolo fiocco o nastro colorato in modo che si distingua meglio in mezzo ai bagagli.

Al momento della denuncia dovrete elencare gli oggetti presenti nella valigia e il loro valore indicativo.

Vi verrà consegnata una copia della denuncia (cosiddetto P.I.R.) che vi serve per sollecitare notizie sul vostro bagaglio. La maggior parte dele volte il bagaglio non ha fatto a tempo ad essere spostato da un aeromobile all’altro (nel caso di coincidenze strette) oppure ha preso una direzione diversa dalla vostra. In emtrambi i casi, entro 24-48 ore vi verrà restituito.

Se viaggiate con oggetti di valore (gioielli, denaro contante, computer portatile…) dovete dichiararli al check in, altrimenti in caso di smarrimento non è previsto nessun rimborso.

Nel frattempo conservate il talloncino adesivo con il numero del vostro bagaglio che vi è stato consegnato al momeno del check in oltre agli scontrini e ricevute per le spese di prima necessità che avete sostenuto per sopperire alla mancanza dei vostri beni.

Nel caso invece che il vostro bagaglio venga consegnato con dei danni potete chiedere un rimborso entro 7 giorni con raccomandata a/r.

Tessera sanitaria europea

Come cittadini dell’UE, se ci si ammala inaspettatamente durante un soggiorno temporaneo all’estero, di vacanza, lavoro o studio, si ha diritto alle cure mediche da dispensare subito.

In tutti i viaggi all’estero è meglio portare con sé la tessera europea di assicurazione malattia (TEAM). La tessera costituisce la prova fisica del fatto che si è assicurati in un paese dell’UE e semplifica le procedure di pagamento e rimborso.

Chi non ha con sé la tessera ha diritto alle cure, ma è tenuto a pagare subito e a chiedere il rimborso al tuo rientro.

La tessera non serve per le operazioni di salvataggio e il rimpatrio. Per il trasferimento gratuito nel paese di provenienza in caso di grave incidente o grave malattia mentre ci si trovi in un altro paese dell’UE, c’è bisogno di una copertura assicurativa specifica.

La tessera non copre l’assistenza sanitaria privata o i costi sanitari delle cure programmate in un altro paese dell’UE.

In Svizzera ed in Francia (dove vige un sistema basato sull’assistenza in forma indiretta), il più delle volte viene richiesto il pagamento delle prestazioni. E’ bene sapere che il rimborso può essere richiesto direttamente sul posto all’istituzione competente (alla LAMal per la Svizzera ed alla CPAM competente per la Francia). In caso contrario il rimborso dovrà essere richiesto alla ASL al rientro in Italia, presentando le ricevute e la documentazione sanitaria.

Per ulteriori informazioni: http://www.salute.gov.it/

Show Buttons
Hide Buttons